Home » Trasformazione Società » Stima mediante metodo patrimoniale semplice

Stima mediante metodo patrimoniale semplice

Stima mediante metodo patrimoniale semplice - Valutazione Azienda in 24 ore
La procedura di stima maggriormente confacente al combinato disposto degli articoli 2465 e 2500-ter del codice civile consiste nell'adozione del metodo patrimoniale semplice.
La base di partenza dell’analisi è costituita dalla situazione contabile al 31 ottobre 2011, di cui si è preliminarmente verificata la veridicità sia sotto il profilo della sua corrispondenza con la contabilità aziendale sia della corretta adozione dei principi contabili.
 
Concluso l’esame formale della contabilità, focalizzatasi anche sulla correttezza delle procedure seguite, si è quindi proceduto alla rideterminazione dei valori degli elementi dell’attivo e del passivo, tenendo conto dei loro valori correnti di mercato.
Il metodo utilizzato per la loro valorizzazione è quello PATRIMONIALE SEMPLICE, che stima il valore della società in funzione del valore corrente degli elementi patrimoniali dell’attivo e del passivo.
In base al metodo patrimoniale semplice l’azienda viene vista come un insieme di attività e passività, di cui il Patrimonio Netto ne rappresenta contabilmente la somma algebrica.
Sulla base delle stime operate a valori correnti di mercato delle componenti attive e passive patrimoniali si è giunti alla determinazione del patrimonio netto rettificato.
Come riferito innanzi, si è seguito un approccio prudenziale che ha portato ad escludere la valorizzazione anche dell’avviamento commerciale, facendo emergere soltanto le differenze positive o negative delle singole poste patrimoniali stimate a valori correnti rispetto alla loro rappresentazione contabile, generalmente derivante da una valutazione a costi storici
Tale procedura si ritiene infatti maggiormente conforme al combinato disposto degli articoli 2465 e 2500-ter del codice civile ed idonea a poter esprimere la propria attestazione professionale in merito all’esistenza di un patrimonio netto non inferiore al capitale della società risultante dalla trasformazione.