Home » Valutazione di Azienda » Rassegna giurisprudenza tributaria in tema di avviamento commerciale

Rassegna giurisprudenza tributaria in tema di avviamento commerciale

Rassegna giurisprudenza tributaria in tema di avviamento commerciale - Valutazione Azienda in 24 ore
Sentenza Cassazione civile, sez. Tributaria, 21-01-2008, n. 1170
Vendita di azienda. Rettifica. Valore dell'avviamento
Rassegna giurisprudenza tributaria in tema di avviamento
 
Sentenza Cassazione civile, sez. Tributaria, 21-01-2008, n. 1170
Vendita di azienda. Rettifica. Valore dell'avviamento
 
 
In sede di legittimità la Corte ritiene insindacabile il giudizio espresso dai giudici di merito sull’applicazione di un determinato criterio per la valutazione dell’avviamento, purché esso non risulti manifestamente illogico e tale da comportare un difetto di motivazione.
La Cassazione considera legittimo in particolare il calcolo dell’avviamento – inteso come capacità dell'impresa di conseguire risultati economici superiori a quelli ricavabili dal valore totale dei componenti - in base ad una norma (D.P.R. 31 luglio 1996, n. 460, attuativo delle disposizioni in materia di accertamento con adesione) che era stata già abrogata dal D.Lgs. 19 giugno 1997, n. 218, art. 17.
 
<valutazione dell'avviamento di un'azienda costituisce, invero, giudizio di fatto, rimesso al prudente apprezzamento del giudice di merito, e quindi immune dal sindacato di legittimità, se adeguatamente motivato. Ora, la congruità della motivazione non è esclusa - sotto il denunziato profilo del vizio di contraddizione - né dal fatto che il metodo di calcolo prescelto coincida con quello già adottato da una disposizione di legge abrogata (in proposito, il collegio condivide il principio affermato da Cass. n. 613/2006 ) né dalla maggiore o minore bontà di tale formula che, come tutti i metodi pratici di calcolo, lascia sussistere un certo margine di approssimazione, verificabile peraltro in ogni altro modello valutativo.
Si deve, anzi, riconoscere che il giudicante a quo ha correttamente e logicamente temperato il risultato del calcolo, abbattendolo di un terzo, in considerazione di elementi validamente documentati, relativi all'esistenza di contenzioso rilevante col fisco e con enti previdenziali>>.
commenti (0)